19.8 C
Pisa
domenica 9 Maggio 2021

Storia di una donatrice di sangue che non ha eguali

CALCINAIA. Domenica prossima, il 14 Giugno, si celebrerà la Giornata Mondiale del Donatore di sangue. Un appuntamento importante che è doveroso sottolineare come del resto fanno le tre associazioni di donatori presenti sul nostro territorio ovvero il Gruppo Fratres Calcinaia, la Fratres Fornacette e Avis Fornacette.

 

Saranno le tre associazioni a ricordare che a partire da Lunedì 15 Giugno i donatori abituali di sangue e plasma avranno diritto a test sierologici gratuiti come disposto dall’assessorato alla salute della Regione Toscana.
Un bel riconoscimento, un premio per chi, anche nel corso dell’emergenza epidemiologica, ha continuato a donare.
Per questo motivo l’amministrazione comunale e le tre associazioni intendono ringraziare, in vista di questa speciale giornata, tutti i donatori che in questi mesi di emergenza sanitaria, dovuta al Covid-19,  con grande senso di responsabilità, hanno superato la paura e hanno teso il loro braccio garantendo le scorte di sangue a quanti ne avevano bisogno.
Sono stati infatti tanti i donatori che nonostante la difficoltà del momento hanno effettuato la donazione presso il Centro Trasfusionale di Pontedera e sono stati altrettanti coloro che lo sono diventati per la prima volta, in particolare giovani.

Dietro ad ogni donatore c’è sempre una storia fatta di persone e situazioni, che lo ha portato a donare.
E qui ne vogliamo raccontare una molto particolare che ci è arrivata dal Gruppo Fratres di Calcinaia e che riguarda una nostra giovane concittadina e donatrice, Sandra Celoni, iscritta all’associazione Fratres di Calcinaia che nel 2015, all’età di venti anni, ha iniziato a donare e ha coinvolto altre persone a farlo.
Senza saper della particolarità della giornata, Sandra ha prenotato il 14 Giugno per effettuare la sua 13esima donazione (così tante donazioni in poco tempo perché dona sangue e plasma regolarmente), ma non ci andrà da sola.
Domenica mattina si recherà al Centro Trasfusionale di Pontedera con sua sorella Camilla ed insieme doneranno il plasma, con loro ci sarà anche il suo ragazzo Eros che donerà il sangue, ma non solo, ci saranno anche suo padre Mauro e sua madre Teresa che ha convinto ad effettuare la donazione differita (la donazione differita è un tipo di donazione in uso da qualche anno in Italia, che prevede, per un potenziale aspirante donatore, una valutazione preliminare di tipo anamnestica, clinica e diagnostica di laboratorio, per stabilirne l’effettiva idoneità alla donazione) per diventare donatori.

Sandra a iniziato a donare grazie alla nonna Roberta che è stata una donatrice molto attiva e una dei fondatori del Gruppo Fratres di Pontedera (50 anni fa).
La nonna, da quando era piccola, le ha sempre raccontato di quante persone si rivolgevano a lei e all’associazione per chiedere se qualcuno poteva donare il sangue, magari di un particolare gruppo sanguigno, per un parente o un amico che in quel momento necessitava di trasfusioni per poterlo aiutare a vivere e stare meglio. 

E cosi in Sandra è cresciuto il desiderio di rendersi utile al prossimo e appena ha potuto ha iniziato a donare…e la prima volta che l’ha fatto ha convinto il suo ragazzo a farlo insieme a lei.
In questi anni non si è limitata solo a donare ma ha coinvolto anche alcuni amici che si allenavano con lei alla Canottieri Cavallini (Sandra è stata un grande campionessa di canottaggio prima di ricoprire il ruolo di allenatrice) e sono diventati donatori a loro volta.
L’anno scorso ha coinvolto la sorella Camilla che, la settimana successiva al compimento del suo 18esimo compleanno, ha fatto la sua prima donazione.
In questi anni ha cercato molte volte di convincere i suoi genitori ed ora è contenta di esserci riuscita. In particolar modo il padre “Sarò sicuramente l’orgoglio di Nonna Roberta – dichiara Sandra – neppure lei in tutti questi anni è mai riuscita a convincere mio babbo a effettuare una donazione. Invito chi non ha mai provato a farsi avanti, magari sfruttando anche l’occasione di questa Giornata Mondiale. Donare è un atto d’amore gratuito e dovrebbe essere anche un dovere morale” conclude Sandra.

Sempre in vista della Giornata Mondiale del Donatore di Domenica 14 Giugno ci preme diffondere anche attraverso i canali istituzionali l’appello dell’associazione Fratres Calcinaia a donare sangue proprio in questo periodo, visto che l’estate è la stagione in cui si registra una maggiore richiesta.
Il Gruppo Fratres ricorda che lo possono fare tutti coloro che hanno un peso superiore ai 50 kg sono in buona salute e hanno un’età compresa tra i 18 e i 60 anni. E’ infine anche utilissimo sottolineare che donare in questo periodo è sicuro, poiché i centri trasfusionali hanno messo in atto misure di sicurezza idonee per tutelare i donatori. E per questo è indispensabile prenotare la donazione contattando l’associazione di appartenenza o il centro trasfusionale.

Ultime Notizie

Ennesimo furto al negozio H&M in Corso Italia: rubati un paio di pantaloni

PISA. Nel tardo pomeriggio di venerdì 7 maggio una volante della Questura di Pisa è intervenuta in Corso Italia, dove il servizio di vigilanza...

Vaccinazioni in Toscana, obiettivo 30mila dosi al giorno

Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, a margine di un evento a Bagno a Ripoli, tenutosi nel pomeriggio di ieri, fa il punto della...

I sindaci scendono in passerella per il progetto ”Desk Valdera”

Domani, lunedì 10 maggio 2021, alle ore 11:00, sulla passerella pedonale che collega al villaggio scolastico superiore, i sindaci della Valdera presenteranno il progetto...

Violenza sulle donne, la famiglia Simonelli dona 3 panchine rosse a Ponsacco

PONSACCO. Attraverso la propria pagina Facebook, la sindaca di Ponsacco, Francesca Brogi, ci ha tenuto a ringraziare la famiglia Simonelli."Grazie alla famiglia Simonelli che...

Covid-19: nel Comune di Calcinaia 44 persone attualmente positive

CALCINAIA. Il Comune di Calcinaia torna ad aggiornare i suoi cittadini sull'attuale andamento epidemiologico sul territorio. Come sappiamo, collocandoci in zona gialla, l'indice Rt...

Ufficiale: via libera alle visite nelle Rsa

''Finalmente potremo cominciare a colmare quel vuoto affettivo e di relazioni imposto dal Covid per gli anziani delle Rsa e per le persone con...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...