17.6 C
Pisa
venerdì 14 Maggio 2021

Quasi 4 milioni di donazioni all’AUSL Toscana nord ovest contro il coronavirus

PISA. Oltre tre milioni e 800mila euro. Per la precisione 3.866.813,25. A tanto ammonta la misura tangibile della solidarietà manifestata da cittadini, aziende, enti, associazioni agli ospedali e alle strutture sanitarie dell’Azienda USL Toscana nord ovest ai tempi del Covid-19. 

“In tutto il territorio di competenza dell’azienda la vicinanza agli operatori sanitari si è espressa in tanti modi – dice Maria Letizia Casani, direttore generale dell’AUSL Toscana nord ovest– tra cui le donazioni, in denaro o attrezzature, iniziate sin dall’inizio della pandemia e proseguite senza sosta nelle settimane più difficili. Ancora in questi giorni continuiamo a riceverne. Le donazioni in denaro hanno raggiunto la cifra di 1 milione e 240.876,96 euro, mentre le donazioni in attrezzature valgono 2 milioni e 625.936,29 euro. Ringrazio ogni singolo donatore per questo aiuto concreto. Lo faccio a nome dell’Azienda e di ogni singolo medico, infermiere, Oss e dipendente, il cui lavoro di squadra è stato determinate per contenere il virus”. 

“Di fronte a tanta generosità -prosegue Casani- ritengo giusto far sapere anche come abbiamo utilizzato queste risorse. Le attrezzature sono state destinate agli ospedali per i quali erano state donate, mentre con le donazioni in soldi sono stati acquistati strumentazioni mediche, macchine diagnostiche, dispositivi di protezione, attrezzature e device digitali che hanno completato le dotazioni ospedaliere e hanno permesso sia di potenziare l’assistenza a tutti i pazienti nel periodo Covid, sia di renderla più efficiente oggi, dopo esserci lasciati alle spalle, speriamo in maniera definitiva, il periodo più difficile”. 

 

Ecco di seguito il dettaglio territorio per territorio.  

Nella provincia di Massa Carrara le donazioni in attrezzature hanno raggiunto un valore di quasi 221mila euro e hanno riguardato in particolare nuovi ecografi e ventilatori. Con le donazioni in denaro, invece, sono stati acquistati arredi per realizzare i reparti di cure intermedie, strumenti radiologici portatili, analizzatori di tamponi Covid e altre apparecchiature per 172.197 euro. 

In Versilia le donazioni in attrezzature hanno riguardato in particolare ventilatori polmonari, tomografi, elettrocardiografi, videobroncoscopi, ecografi per un totale di oltre 450mila euro, mentre con le donazioni in denaro sono stati acquistati beni per 371.697 euro, tra cui analizzatori di tamponi Covid, ecografi, centrali di monitoraggio per terapia intensiva. 

Nella zona di Lucca e della Valle del Serchio le donazioni in attrezzature sono state di oltre 1 milione e 355mila euro, tra cui letti per terapia intensiva, un ecocardiografo, ecografi portatili, video laringoscopi, monitor, defibrillatori, ventilatori, sistemi ecografici polmonari. Gli acquisti effettuati grazie alle donazioni in denaro hanno riguardato in particolare nuovi sistemi di monitoraggio delle malattie infettive, elettromiografi, elettrobisturi, sistemi di ozonoterapia, mascherine, spirometri e altre strumentazioni per un totale di oltre 257.423 euro. 

Nella provincia di Livorno le donazioni in attrezzature sono state di oltre 571mila euro e hanno riguardato, tra le altre, ventilatori polmonari, videolaringoscopi, letti per terapia intensiva, letti per la riabilitazione, tomografi mentre grazie alle donazioni in denaro sono stati acquistati ecografi, ecocardiografi, analizzatori di tamponi Covid, centrali di monitoraggio e attrezzature per la terapia intensiva e altre forniture per un totale di 273.550 euro. 

Per quanto riguarda la provincia di Pisa, dove la presenza dell’ospedale universitario di Cisanello è stata di fondamentale importanza per il contrasto al Covid 19 in tutta la Toscana nord ovest, le donazioni in attrezzature hanno superato la soglia di 27mila euro e hanno riguardato ecografi, videolaringoscopi, device digitali e altre forniture, mentre grazie alle donazioni in denaro sono stati effettuati acquisti per 25.500 euro. 

Infine, le donazioni in denaro sono state utilissime per fornire a tutte le strutture dell’Azienda USL Toscana nord ovest i cosiddetti dispositivi di protezione personale: sono stati infatti acquistati camici, tute, guanti, mascherine, termometri e pannelli parafiato per un totale di 140.507 euro. 

Ultime Notizie

Prenotazione Vaccini, “Over 40 tocca a voi”

Arriva dalla Regione Toscana l'invito alla prenotazione dopo gli over 50, anche per gli over 40Il post è online da questo pomeriggio sulla pagina...

A Fornacette una piazza sempre più verde e decorosa

FORNACETTE. In fase di ultimazione il lavoro che ha visto dare nuovo colore, rigorosamente verde, alla riqualificata Piazza Timisoara (Piazza del Mercato) a Fornacette. Entro...

Tassa sui rifiuti: ”Inaccettabile un altro rinvio!”, le Partite Iva insorgono

PISA. Il Comune di Pisa ha rinviato la rata della tassa sui rifiuti. Intanto monta la protesta delle partite Iva.“Un altro inutile rinvio che...

Signora dà in escandescenze e prende a calci il portone del Patronato

PISA. Momenti di tensione nella tarda mattinata di ieri, 13 maggio, in via Catalani dove una dipendente del Patronato Enac ha segnalato alla Sala...

Santa Croce e Cascina: suolo pubblico gratuito, accolte le richieste di Confcommercio

“La situazione per le imprese della provincia resta drammatica, e in particolare per i pubblici esercizi l'unica opportunità di lavoro è data dalla possibilità...

Anita spegne 100 candeline e si regala il vaccino anti-Covid

PONTEDERA. A riportare la notizia il sindaco di Pontedera, Matteo Franconi."Con grande piacere ho voluto personalmente fare gli auguri alla signora Anita Borchi per...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...