15.5 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Inaugurato il Centro di educazione ambientale per i ragazzi delle scuole elementari e medie

PONTEDERA. Si è tenuta oggi, 26 aprile, l’inaugurazione del Centro di educazione ambientale con laboratori su ecologia, biodiversità, conoscenza del territorio, riciclo e rifiuti, destinato a tutti i ragazzi delle scuole elementari e medie.

Le attività gratuite si svolgeranno nel quartiere stazione nei locali della Ludoteca all’interno della galleria Coop (zona stazione), ogni lunedì dalle 15:00 alle 18:00. L’apertura del nuovo centro è stata possibile grazie all’intesa tra Legambiente Valdera e l’Amministrazione comunale.

Luciano Carlotti, presidente di Legambiente Pontedera: “Abbiamo colto volentieri la volontà di questa amministrazione di voler partire con questa iniziativa che vuole cercare di avvicinare i bambini al tema dell’ambiente, anche in maniera un po’ più diffusa e capillare sul territorio. Cerchiamo di fare in modo che da questo quartiere possa partire un’interazione appunto tra educazione ambientale e territorio”.

L’assessore al sociale Carla Cocilova: “Noi crediamo molto come amministrazione comunale che la qualità della vita passi da tanti aspetti diversi e che questi si incrocino anche e soprattutto all’interno dei quartieri. Quando parliamo dei bambini, noi abbiamo la tendenza a far sempre riferimento al futuro. No, sono il nostro presente ed è giusto che siano il nostro obbiettivo d’investimento primario, che sia appunto per la qualità degli spazi in cui vivono, che sia per il loro coinvolgimento attivo in proposte di questo tipo. Ecco questa è una piccola iniziativa che vuole dare il via a un percorso più complesso che faccia in modo che i bambini stessi si riapproprino dei loro spazi, perché quando si parla di ambiente non è soltanto ecologia ma è proprio la qualità della vita delle realtà in cui poi tutti i cittadini e a maggior ragione i cittadini piccoli vivono”.

L’assessore alla Pubblica istruzione Francesco Mori: “Parlare di educazione ambientale significa per la scuola affrontare le nuove sfide e l’esperienza del Centro di educazione ambientale vogliamo che diventi un segnale forte per fare esperienza sul campo di buone pratiche per imparare la gestione corretta della differenziazione dei rifiuti, per imparare la qualità dei materiali per il riciclo, il riuso, il reimpiego nell’ottica anche di sviluppare un’attenzione alla necessità di economia circolare e nuovi stili. L’idea della sostenibilità ormai risulta fondamentale, l’Agenda 2030 è un fondamento anche delle attività nelle scuole. L’istituzione di un Centro di educazione ambientale speriamo possa rappresentare un’ ulteriore elemento a supporto del percorso formativo dei nostri giovanissimi cittadini. Il focus infatti è quello della scuola primaria, con una particolare attenzione anche per i ragazzi più grandi della scuola media”.

Mattia Belli, assessore ai Lavori pubblici. Come nasce questa interazione con Legambiente? “Nasce dalla volontà comune dell’amministrazione comunale e dell’associazione di riattivare un percorso che nel tempo ha funzionato sul nostro territorio comunale andando a formare molti bambini e ragazzini su un piano fondamentale com’è quello dell’ambiente. Noi oggi inauguriamo la riattivazione del primo Cea (Centro di educazione ambientale, ndr.) nel quartiere della stazione, che ha anche un significato sociale di valorizzazione di un quartiere che ha delle necessità particolari, e vogliamo spostare qui un po’di attività di varia natura: culturale, sociale e anche informazione ambientale. Il percorso naturalmente non lo vogliamo interrompere qua, è in una fase sperimentale, vogliamo capire come reagiranno i bambini e la comunità a questa nuova attività e poi anche nei prossimi anni stiamo valutando con Legambiente di attivare tutta una serie di attività sia con l’apertura di ulteriori centri, sia con una serie di attività laboratoriali e didattiche ed extra-didattiche”.

Floriano Della Bella, consigliere comunale del Comune di Pontedera e presidente del Consiglio dell’Unione Valdera: “Si parte dall’età scolastica per far capire questi valori ai ragazzi, per poi proseguire nel corso della vita. È una cosa che si prende già dall’inizio e lo si assume come un valore fondamentale che è quello del rispetto della terra, della natura, delle cose che ci circondano. Cercare di lasciarle meglio di come l’abbiamo trovate e non peggio e questo secondo me è un percorso che è utile, oltre farlo in un quartiere dove è importante che ci siano una serie di attività. Il Comune e l’amministrazione si sta, come da programma elettorale, portando avanti. È chiaro, ci sono state delle battute d’arresto dovute all’epidemia da Covid, però, insomma, con tutte le problematiche cerchiamo di portare avanti le cose che sono nel programma elettorale”.

©️RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Ultime Notizie

Luci “green” per il centro di Cascina

CASCINA. È in calendario prima del 15 settembre la partenza dell’intervento di riqualificazione energetica, con adeguamento normativo, per gli impianti di illuminazione pubblica del...

Chiuso il triplice intervento sull’acquedotto di Peccioli

PECCIOLI. Prosegue l’impegno di Acque SpA per migliorare il servizio per qualità e continuità. Completamente risanati 550 metri di tubazioni, per un investimento da...

Bientina riporta in scena la convivialità grazie allo Street Food

BIENTINA. Weekend all'insegna del buon cibo e della convivialità tra le strade di Bientina (come vi abbiamo già annunciato QUI). Soddisfazione e orgoglio anche...

La Toscana non ci sta: gli umbri non si possono vaccinare nella nostra Regione

L'accesso alla vaccinazione è consentito esclusivamente a chi è  residente o domiciliato in Toscana “per motivi di lavoro, di assistenza familiare o per qualunque altro...

Covid-19 in Toscana, le anticipazioni del Presidente Giani

TOSCANA. Consuete le anticipazioni del Presidente Giani, circa le nuove positività sul territorio regionale. I nuovi casi registrati in Toscana sono 491 su 24.061...

Valdera, caduta libera dei contagi, merito dei vaccini e del lockdown?

Calo dei contagi in Valdera. Effetto vaccini o effetto lockdown? Da una breve analisi dei dati forniti da Asl Toscana Nord Ovest, si può constatare...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...