Il Direttore

"L'inizio della Fase 2, annunciata dal premier Conte, è stata a dir poco balbettante, sicuramente poco chiara e lacunosa. Un pastrocchio che ha messo in  ulteriore confusione la popolazione. Soprattutto ha disatteso le esigenze di quei milioni di lavoratori nei vari settori, che attendevano non certo il “libera tutti” ma “solo”  prescrizioni di sicurezza chiare, utili a ridare avvio alle libere professioni, soprattutto commercianti, barbieri, estetiste, ristoratori, albergatori,  e buona parte della filiera turistica,  che rischiano di pagare il prezzo più alto  per gli “zoppi” decreti appena sfornati".

 

Una nostra lettrice ci invia una sua riflessione e soprattutto un quesito rivolto al nostro direttore. Spinti da quanto ricevuto abbiamo deciso di aprire uno spazio relativo a voi lettori, lasciandovi la possibilità di porre domande o inviarci riflessioni su qualsiasi argomento, a cui il nostro direttore Doady Giugliano darà risposta: l'indirizzo per scriverci è: