12.5 C
Pisa
martedì 18 Maggio 2021

Foibe, giorno del ricordo: la parola ad alcuni sindaci della Valdera

VALDERA. Oggi è il Giorno del Ricordo per ricordare la tragedia di tutte le vittime delle foibe.

Tanti i sindaci della Valdera che per l’occasione hanno voluto spendere delle parole in memoria dei tragici eventi.

Mirko Terreni, sindaco del comune di Casciana Terme Lari si è così espresso: “Con il 10 febbraio il nostro Paese celebra il Giorno del Ricordo, una ricorrenza italiana per ricordare tutte le vittime delle foibe e l’esodo forzato degli istriani, fiumani, giuliani e dalmati dalle loro terre. Una storia per troppo tempo taciuta e sminuita che parla di violenze, massacri e persecuzioni, perpetrati ancora una volta per mano di uno dei regimi totalitari del Novecento, quello Tito, durante la seconda guerra mondiale e nell’immediato dopoguerra. Migliaia di persone esuli, deportate e barbaramente uccise, i cui corpi vennero occultati dentro le foibe, depressioni carsiche nel terreno divenute così fosse comuni.Esistenze sconvolte, esistenze interrotte a causa dell’odio razziale e delle ambizioni suprematiste dell’uomo che anche in questa occasione sconvolsero profondamente l’Europa e che oggi è necessario ricordare e affidare al fondamentale ruolo della memoria, per conoscere e per non dimenticare.” 

Da Ponsacco, le parole della sindaca Francesca Brogi: “La giornata del ricordo serve a fare luce su una delle pagine più buie della storia italiana: la cacciata degli istriani, dalmati e fiumani e l’orrore delle foibe. Una tragedia che fu l’amaro epilogo di una stagione di scontri ideologici che produsse regimi totalitari e nazionalisti che si macchiarono di gravi crimini contro l’umanità. La logica della guerra fredda ha fatto sì che per troppi anni questa vicenda fosse tenuta nascosta. Finalmente, negli ultimi anni, anche grazie alla ritrovata collaborazione con lo stato sloveno, si sta facendo piena luce sull’intera vicenda. Il giorno del ricordo deve essere quindi l’occasione per non dimenticare quei terribili momenti ma anche per riflettere sui reali motivi che portarono a quei tragici fatti. Del perché una terra tollerante ed inclusiva, che per centinaia di anni aveva visto la convivenza pacifica delle comunità italiane, slave e tedesche, si trasformò in uno dei teatri di guerra più insaguinati d’Europa.”

Il sindaco di Pontedera, Matteo Franconi, invece questa mattina alla presenza delle autorità civili, militari e religiose convenute, ha partecipato alla Cerimonia di Commemorazione del “Giorno del Ricordo“. Del suo intervento, queste le parole: “Un paese maturo e moderno deve ritrovare, soprattutto nel mezzo di una pandemia mondiale che ha generato ulteriori tragedie sanitarie, sociali ed economiche, una consapevolezza condivisa e le occasioni per commemorare e rendere omaggio alle vittime di quella persecuzione: con il nobile obiettivo di non dimenticare mai le spirali di dolore e sofferenza. Ci serve ancora oggi, anzi, soprattutto oggi, interrogare con umiltà ed attenzione la nostra storia per preservare il futuro dei nostri figli dagli effetti, purtroppo dolorosamente certi, dei regimi totalitari tutti che sempre finiscono per opprimere i cittadini e la dignità della persona in ragione di qualche motivo che in nulla può esser nemmeno comparato al valore prezioso della libertà e dignità dell’essere umano, la condizione indispensabile per affermare pienamente la democrazia e la pace”.

 

Anche il sindaco di Vicopisano, Matteo Ferrucci ha speso alcune parole: “Il Giorno del ricordo è una solennità nazionale, celebrata il 10 febbraio di ogni anno, che ricorda i massacri delle foibe e l’esodo giuliano dalmata. E’ stata istituita con una legge del 2004 per ‘conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra. Il primo anno in cui si celebrò il Giorno del ricordo, nel 2005, e l’anno successivo, l’allora presidente Carlo Azeglio Ciampi fece alcuni discorsi importanti, di cui mi preme riportare alcuni passaggi a mio avviso molto significativi: Rivolgo il mio pensiero a coloro che perirono in condizioni atroci nelle Foibe, alle sofferenze di quanti si videro costretti ad abbandonare per sempre le loro case in Istria e in Dalmazia. Questi drammatici avvenimenti formano parte integrante della nostra vicenda nazionale, devono essere radicati nella nostra Memoria, ricordati e spiegati alle nuove generazioni. L’Italia non può e non vuole dimenticare: non perché ci anima il risentimento, ma perché vogliamo che le tragedie del passato non si ripetano in futuro. L’odio e la pulizia etnica sono stati l’abominevole corollario dell’Europa tragica del Novecento, squassata da una lotta fra nazionalismi esasperati. La Seconda guerra mondiale, scatenata da regimi dittatoriali portatori di ideologie razziste, ha distrutto la vita di milioni di persone nel nostro continente, ha dilaniato intere nazioni, ha rischiato di inghiottire la stessa civiltà europea. L’Italia, riconciliata nel nome della democrazia, ricostruita dopo i disastri della Seconda Guerra Mondiale anche con il contributo di intelligenza e di lavoro degli esuli istriani, fiumani e dalmati, ha compiuto una scelta fondamentale. Ha identificato il proprio destino con quello di un’Europa che si è lasciata alle spalle odi e rancori, che ha deciso di costruire il proprio futuro sulla collaborazione fra i suoi popoli, basata sulla fiducia, sulla libertà, sulla comprensione.”

Il sindaco del comune di Calcinaia, Cristiano Alderigi, invece scrive: “Il 10 febbraio si celebra in tutta Italia la “Giornata del Ricordo“, un’importante occasione per ricordare la tragedia delle foibe e tutti gli eccidi perpetrati in Venezia Giulia e Dalmazia ai danni di migliaia di cittadine e cittadini italiani per motivi etnici e politici, alla fine e nel corso della Seconda Guerra Mondiale. A memoria di questo tragico avvenimento il Comune di Calcinaia rivolge un pensiero a tutti i coloro che sono stati vittime o che hanno perso i loro cari in questi orribili massacri.”
 
Mirko Bini, sindaco del comune di Terricciola, allega infine una foto: 
 
 
 

Ultime Notizie

Calcinaia, un arcobaleno contro l’odio e le discriminazioni

Il Comune di Calcinaia celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. La sera di Lunedì 17 Maggio il Palazzo Municipale sarà...

Cascina: incidente in FiPiLi, fino a 7 km di coda

Si susseguono giornalmente gli incidenti in FiPiLi, altri vengono segnalati in queste ore. Altri incidenti in FiPiLi questo pomeriggio intorno alle 17,30 in prossimità dell'uscita...

Riaperture, Draghi: coprifuoco alle 23 e dal 21 giugno abolito

La proposta di Draghi verrà discussa in queste ore, di seguito una possibile bozza.  Se ne discute in queste ore, la proposta del presidente Draghi...

Vaccino Covid, al via le prenotazioni per le annate 1972-1973

Aperte le prenotazioni per le persone nate nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni quindi da adesso potranno prenotare nei...

Iginio Massari alla ricerca di pasticcieri per la sua nuova pasticceria in Toscana

Il pasticciere più conosciuto d'Italia, Iginio Massari, è pronto ad aprire anche in Toscana una sua pasticceria. La nuova attività aprirà a Firenze e...

Strappa una collanina ad una donna: scippatrice seriale mette a segno l’ennesimo colpo

CASCINA. Un ladro seriale si aggira indisturbato per il territorio cascinese.  Molte le segnalazioni che giungono attraverso mezzo social, ultimo sul gruppo Facebook ''Sei di...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...