17.8 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Emergenza coronavirus, ritardo sui pagamenti: infermieri in rivolta

PISA. Continuano le polemiche per i mancati pagamenti da parte dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest verso tutti quegli infermieri che hanno operato dal mese di marzo a quello di giugno. 

Un super lavoro che ha coinvolto il personale infermieristico durante la fase di emergenza e per il quale molti hanno sacrificato il proprio tempo libero.

In data 7 luglio 2020, a seguito dello stato di Agitazione Proclamato da NurSind, presso la Prefettura di Pisa, al tavolo di raffreddamento il direttore del Dipartimento Infermieristico, Mirco Gregorini, si era impegnato formalmente a garantire al personale infermieristico precisione nei pagamenti dell’orario aggiuntivo così come previsto negli accordi sindacali; il riconoscimento dell’indennità di malattie infettive per il personale operante nei reparti e servizi Covid; il riconoscimento adeguato al tempo di vestizione/svestizione per il personale in servizio nei reparti e nei servizi Covid.

Ad oggi questi impegni formali restano però solo sulla carta e gli infermieri sono ormai stanchi di aspettare. 

Nonostante gli uffici preposti abbiano ricevuto tutta la documentazione necessaria per effettuare i pagamenti, gli infermieri e gli OSS non hanno visto in busta i compensi dovuti per i mesi in questione ed i Conguagli del Bonus Covid Regionale. Voci aziendali dicono che il tutto slitterà a settembre per motivi legati alla disorganizzazione delle strutture amministrative. 

 

“Siamo stanchi delle promesse di procedere al pagamento” – tuona il personale infermieristico, anche per voce della dott.ssa Mignoni dell’ufficio politiche del personale. 

Infermieri, che hanno dovuto riorganizzare la propria vita personale, familiare e professionale per il bene della salute pubblica, si sono così ritrovati di fronte ad un’azienda incapace di dare loro il dovuto di 4 mesi di attività. 

È per questo che Nursind ha dato mandato al proprio studio legale di fare una serie di decreti ingiuntivi per pretendere in brevissimo tempo il pagamento delle spettanze dovute e non retribuite. 

“Se necessario è già pronto l’avvio di un percorso giudiziario anche per il riconoscimento del tempo di svestizione/vestizione, come già è stato fatto negli anni scorsi con le cause vinte e i risarcimenti di migliaia di euro ad oltre 300 infermieri della ex Usl 5” – conclude il Segretario Territoriale Nursind, Daniele Carbocci. 

Ultime Notizie

Pisa ospiterà la 21esima edizione del Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia

Pisa è stata scelta per ospitare, nel maggio del 2023, il XXI Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, una manifestazione che richiamerà in città oltre...

Il Covid fa un’altra vittima a Casciana Terme Lari

CASCIANA TERME LARI. Il sindaco Mirko Terreni torna ad aggiornare i cittadini sull'andamento del contagio e comuica un decesso legato al Covid."La situazione epidemiologica...

Valdera e Pisa, i nuovi contagi per comune

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 15 maggio, sono 123.In Valdera si registrano 9 casi, così suddivisi: Capannoli 1,...

Una galleria virtuale per un gemellaggio reale

CALCINAIA. L’Europa non è un concetto astratto, ma una straordinaria opportunità per mettere in contatto culture diverse, per confrontare differenti tradizioni, per scoprire nuovi...

Vaccini: dalle ore 16 di oggi agende aperte per 1970 e 1971

TOSCANA. Dalle ore 16 di oggi, sabato 15 maggio, si aprono le agende per la prenotazione vaccini anche per i nati nel 1970 e...

Cup 2.0: in due giorni oltre 200 prenotazioni online

L'avvio, anche nell'ambito territoriale pisano, del nuovo Centro unico di prenotazione (Cup) 2.0 si è svolto senza particolari criticità.Già dal primo giorno, giovedì 13...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...