5.2 C
Pisa
martedì 18 Gennaio 2022

Confcommercio: 5 punti per evitare l’estinsione delle imprese

Pesanti problemi stanno affossando causa la crisi determinata dal virus delle imprese di Pisa e provincia, Confcommercio fa il punto della situazione mettendo sul piatto 5 punti che potrebbero evitare il tracollo a molte attività:

“Imprese e attività commerciali del nostro territorio rischiano l’estinzione! – riporta un comunicato stampa di Confcommercio – Se non fosse ancora chiaro, invitiamo la Regione a prendere provvedimenti immediati per scongiurare uno scenario catastrofico”. Federico Pieragnoli e Federica Grassini, direttore e presidente di Confcommercio Provincia di Pisa, lanciano un appello al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, proponendo cinque punti da applicare con urgenza per garantire la sopravvivenza alle attività di Pisa e provincia.
“Di fronte all’irresponsabilità del governo nazionale – riporta il documento stampa di Confcommercio – il presidente Giani deve prendere una posizione forte e chiara e ascoltare la voce di imprenditori, professionisti e commercianti, che dall’anno prossimo rischiano di chiudere bottega per sempre. Non c’è più un minuto da perdere, le misure condivise dal sistema toscano di Confcommercio vanno attuate subito, a partire dal ritorno immediato in Zona Gialla, o comunque dall’adozione di un provvedimento che consenta a bar, ristoranti e all’intera categoria dei pubblici esercizi di tornare a lavorare il prima possibile”.
I vertici di Confcommercio Provincia di Pisa chiedono poi “un risarcimento per i danni causati dalla pandemia alle attività commerciali, oltre alla cancellazione totale di ogni forma di imposizione fiscale relativa al 2020, l’applicazione dei rating bancari 2019 e un provvedimento che modifichi l’attuale disciplina delle locazioni commerciali, escludendo l’ipotesi di sfratto per inadempienza e rinegoziazione dei canoni di locazione su parametri adeguati all’attuale situazione”.
“Tutte le parti in gioco devono rendersi conto che chi ha potuto lavorare solo tre o quattro mesi su 12 non riuscirà a far fronte agli impegni di un intero anno. Anche le banche devono tenere conto di questa situazione di emergenza straordinaria” affermano Pieragnoli e Grassini “Per questo chiediamo che le imprese siano valutate con i rating del 2019, nel periodo in cui potevano lavorare senza limitazioni, e non di questo disgraziatissimo 2020”.
“La sicurezza dal punto di vista sanitario – si comunica nel documento stampa –  deve essere garantita, e possiamo affermare che le attività sono in condizione di assicurare il più assoluto rispetto delle misure precauzionali, come del resto hanno sempre fatto. La loro chiusura per le ultime tre settimane non ha procurato alcuna variazione nel livello dei contagi, a dimostrazione che la fonte di questi è evidentemente altra. Non si capisce perché in Lombardia e in Veneto e praticamente in quasi tutte le altre regioni, si possa lavorare in questo periodo prenatalizio, e in Toscana invece no”.
“Se non si mettono subito in campo queste cinque misure” concludono il direttore e la presidente “non ci sarà più tempo per gli appelli, ma solo disperazione e rimpianti per imprese e famiglie che rischiano di non superare questa crisi”.

 

E]

Ultime Notizie

Valdera, muore positivo al Covid

Lutto in Valdera. Addio a un pensionato di Bientina positivo al Covid. Tre decessi in provincia di Pisa sono stati segnalati nel bollettino Covid di...

Casi Covid, chiusa la Carducci di Santo Pietro Belvedere

Sospesa l'attività didattica in presenza alla scuola primaria di Santo Pietro Belvedere. Con ordinanza della Sindaca emanata in data odierna è stata prevista la...

Inaugurata a Caprona “La Nuova Pieve”: bar, ristorante e pizzeria

Un nuovo inizio per il locale gestito da Sokol Dylgjeri e Margherita Possenti. VICOPISANO. Caprona saluta il 2022 ritrovando uno dei suoi locali più apprezzati,...

Scuole chiuse a Montopoli, necessari lavori sulla rete idrica

Acque Spa ha comunicato che mercoledì 19 gennaio, dalle ore 8.30 alle 17.30, si renderà necessario sospendere l’erogazione idrica in tutto il capoluogo di...

Calcinaia, giovedì verrà interrotta l’energia elettrica per circa tre ore

Enel comunica ai suoi utenti che Giovedì 20 Gennaio, dalle ore 13.15 alle ore 16.30, verrà interrotta la distribuzione di energia elettrica a Calcinaia...

Covid: il numero dei ricoverati a Pisa e Pontedera

Ecco la situazione dei ricoveri a Pisa e Pontedera in base ai dati forniti dalla Regione. Ospedale Lotti di Pontedera: Il 15 gennaio erano...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Valdera, donna stroncata da un malore improvviso in casa

Lutto per la scomparsa di Carmelina Garbino, stroncata da un malore improvviso a soli 59 anni. È scomparsa a 59 anni Carmelina Garbino, dipendente dell’Asl...

Malata da tempo prende il Covid e muore

La donna aveva 56 anni ed era residente nel comune di Calcinaia. Lascia il marito e un figlio Si è spenta Antonella Casigliani, 56 anni,...

Covid, muore 56enne della Valdera

Addio a un cinquantaseienne di Buti deceduto con positività al Covid. Quattro decessi in provincia di Pisa sono stati segnalati nel bollettino Covid di ieri...

Muore positivo al Covid in ospedale

Addio a un pensionato della Valdera positivo al Covid. PONTEDERA. È morto Mario Mellini, 80 anni, pensionato, ex informatore medico scientifico. L’uomo era nato a...

Branco di ragazzi trasformano Pontedera in un ring

PONTEDERA. Rissa in via Rossini: sono volati calci e pugni tra una ventina di ragazzi, anche minorenni. Sono stati postati in rete dei video...

Auto si ribalta nel tratto tra Santa Maria a Monte e Bientina

Bientina. Incidente poco dopo le 18,30 di oggi sabato 15 gennaio nel tratto che da Santa Maria a Monte conduce a Bientina. Una Ford...