Calcinaia: il centrodestra chiede all'amministrazione di moderare i toni

CALCINAIA. A seguito delle polemiche emerse dopo il comunicato stampa del Gruppo Uniti per Calcinaia, il Gruppo CentroDestra per Calcinaia ha presentato un ordine del giorno da discutere nel prossimo consiglio comunale.

I consiglieri Daniele Ranfagni, Debora Sforza e Marco Buggiani dichiarano che : "Il gruppo di maggioranza, attraverso un'uscita pubblica totalmente infondata, ci accusa di “mettere in discussione la Repubblica e quei valori che regolano il confronto democratico”, accuse queste che non trovano riscontro nella realtà dei fatti in quanto i nostri consiglieri si sono sempre comportati con disciplina ed onore, cosi come previsto dall’art. 54 della Costituzione".

"Nello specifico, - continuano i consiglieri - con il nostro ordine del giorno, chiediamo al sindaco di prendere le dovute distanze dalla dichiarazione che loro stessi hanno fatto e di invitare la maggioranza a rivedere pubblicamente e con un comunicato a mezzo stampa la posizione assunta, nell’ottica di ripristinare una distensione politica necessaria, al fine di garantire un dialogo proficuo fra maggioranza ed opposizioni, oltre ad evitare la creazione di tensioni politiche che potrebbero sfociare in tensioni sociali locali. Siamo sicuri che anche i consiglieri di maggioranza, alla luce di quanto detto sopra, vogliano adempiere al proprio impegno con disciplina ed onore".

 

"Al Sindaco Alderigi ed alla Giunta - concludono - chiediamo di prendere le dovute distanze dalla dichiarazione “incriminata” contenuta nel comunicato stampa del gruppo consiliare Uniti per Calcinaia e di invitare il capogruppo Ristori e tutto il gruppo di maggioranza a rivedere, pubblicamente e con un comunicato stampa, tale posizione nell’ottica di una distensione politica necessaria al fine di garantire un dialogo proficuo tra il gruppo di maggioranza ed i gruppi di minoranza e per evitare che nel futuro si presentino ulteriori occasioni volte a creare tensioni politiche tali che potrebbero sfociare in tensioni sociali locali".
 
 
 
 

 

Aiuta l'informazione libera. Condividi questo articolo!
Pin It